Non il grido della Terra ma il nostro

Umana aritmia

scuote le (fr)onde

di questo mare incerto.

Del blu e del verde

l’eco della Terra.

Anche se la sua voce

si è inabissata in una discarica di periferia.

Dove è finito allora

l’adagio delle stagioni?

La pulsione dell’estate

infangata dal veto della grandine d’agosto.

E si respira aria

cieca e ineluttabile

in questa notte di fine epoca.

E la Terra

si muove anche senza il vagito d’un bambino.

Alessandra Solina

foto: Umberto Guidoni Fotogallery

Halloween

Oggi mi tocca!

Non poesia ma sgambettare con un esercito di bimbi scalmanati. E mi travesto pure da strega! Tanto non mi occorrono grandi preparativi, il naso c’è, i capelli fuori posto pure. Mi basta eccedere col nero: sugli occhi, nel viso, addosso. E il gioco è fatto!

Dolcetto o scherzetto?

Ecco la scatola delle uova con all’interno cioccolatini e sassi dipinti

20191031_113530.jpg

La collana (sasso di mare dipinto) che indosserò

IMG_20191029_182724_614

 

Buon divertimento a grandi e piccini!

 

I-rrisolto

dettaglio Schiele

E’ rassicurante

percorrere sempre le stesse vie,

le stesse increspature

della mente.

Ti ha salvato?

Un tempo il suo

abbraccio generoso

ha chiuso fuori

ogni timore.

Bastava lei.

Sopra ogni cosa.

Anche la tua Poesia.

Ma adesso le mani

tremano.

Il rimpianto è

curaro

lento nelle vene.

Certi giorni

mera percezione,

altri ti toglie il fiato:

tra caldi seni e bionde spighe

solo un’illusione.

Affondi

le dita nella melma

della notte

e ti ripeti

lo stesso inutile ritornello.

Ma la campana

suona per tutti.

Cerchi altrove

per non guardarti dentro.

E così non vivi.

 

Art: Egon Schiele

Sfingi 2.0

AddText_09-12-02.12.46

Quelli del “volere è potere”

artefici di destini

come morbide onde sulla Nike,

sono ostili

al pungolare del Tempo.

Negli occhi il riflesso

di secoli di filosofia

senza una sbucciatura,

come se il mondo

li orbitasse.

Sfingi 2.0.

Perno costante

di un codazzo di nullità.

In questa nuova epoca

non ci sono sapori,

odori,

appigli per i sensi.

Tutto è brutalmente cancellato.

Omologare, omologare, omologareee!

E siamo mercenari

al soldo

della Follia.

 

 

Se questo è un uomo

schiele ivanomugnaini se questo è un uomo poesie

Dichiarazione (semiseria) dei diritti della donna

Se ti promette la luna

e ti dà le briciole.

Questo non è un uomo.

Se ti dice “ti amo”

come un contentino per femmine.

Questo non è un uomo.

Se ti porge una rosa

e non toglie le spine.

Questo non è un uomo.

Se dice cuori

e gioca picche.

Questo non è un uomo.

Se dice che sei il sole

e ti mette in ombra.

Questo non è un uomo.

Se ti è accanto nei bei momenti

e non nella cattiva sorte.

Questo non è un uomo.

Se ti fa piangere

Invece di ridere.

Questo non è un vero uomo.

*

A (semi-serious) declaration of the women rights

If he promises you the moon

and he gives you crumbs.

This is not a man.

If he tells you “I love you”

as a sop for females.

This is not a man.

If he gives you a rose

and he doesn’t remove the thorns.

This is not a man.

If he says hearts

and plays spades.

This is not a man.

If he says “you are the sun”

and he overshadows you.

This is not a man.

If he stays with you

in the happiest moments

and not in the hardest ones.

This is not a man.

If he makes you cry

instead of smiling.

This is not a real man.

 

Messa a nudo

Amore è vira

Preferisco la verità

anche se atroce

alla menzogna.

Sempre e comunque.

Almeno posso decidere

se prendere parte ai giochi.

Non sono mai stata capace

di accettare compromessi.

E ora sono povera e sola.

Sono una fallita

al palo

di una periferia.

Ma a chi è nato maschio

non è stato chiesto:

lavoro o prole?

A me è successo.

E ho scelto mio figlio.

Sono stata un’incosciente.

Solo ora comprendo

che questo bambino

avrà solo il mio amore.

E una mamma che

è già vecchia per il mondo.

Io no.

Non mi sento vecchia.

E sono pronta per la

RIVOLUZIONE

 

 

Drama man

Cani-ecco-come-i-cuccioli-imparano-dall-uomo_articleimage

Non è il titolo di una canzone ma solo una mia riflessione su un certo tipo di uomo ( non sono tutti così fortunatamente).

Non va più di moda andare in giro con un cucciolo di cane per attrarre le donne ma il meccanismo resta invariato: destare tenerezza.

Attenzione massima alla peggior razza d’uomo in circolazione: quello che si finge intrappolato in una relazione sfortunata, che è INADEGUATO alla vita e incompreso dalla società. Colui che si definisce diverso dagli altri intellettuali, che vive vita raminga, lontano dai luoghi di potere e che è altresì una persona umile che non vanta le sue gesta. Lui no. Lui è diverso. Lui ti capisce perché sensibile. Lui scrive poesie e quindi, inevitabilmente, è vicino all’universo femminile. Ma ti confida anche che è vittima di questo mondo crudele, che la vita è sempre stata difficile per lui, INCOMPRESO all’eterno.

Ora, se così fosse, per forza di cose, logicamente vorrebbe cambiare la sua situazione attuale in favore di un’altra. Tuttavia non esiste solo la logica. Ci sono anche i sentimenti, direte voi. Già! E lui ne è ricolmo, a sentire i suoi dolci versi. Lui sa come riempire una donna di complimenti, come farla sentire importante. Allora sei il suo faro, la luce nell’oscurità e via dicendo.

Salvo poi sparire di fronte alla fatidica scelta.  Per questo mi appello a tutte le donne: non credete a tali soggetti, metteteli subito sotto scacco e  vedrete che si scioglieranno come neve al sole.  La loro relazione non era allora poi tanto in bilico, la loro vita non così drammatica. Quindi state in allerta, soprattutto a chi ci sa fare con le parole…

Ma state pure tranquille, tutto torna indietro. E la notte è lunga per loro. Perché, in effetti, vivono di luce riflessa.

Daniele Nardi

 

nanga parbat

 

 

 

A Daniele

 Credere al proprio sogno

è ciò che fa SALIRE

alle più alte vette:

dalla ruota al cannone,

dall’algebra alla Gioconda,

dalla clessidra alla penicillina,

l’UOMO non si è mai arreso.

E tu credevi.

Credevi al tuo sogno.

E ancora ci credi.

Ora che le appartieni.

Ora che la montagna

ti ha stretto

nel suo abbraccio mortale

per farti sua.

Crudelis mundus est sed docet.

Troppo tardi hai compreso

che l’amore non è un inverno infinito.

Ma le manine calde del tuo bambino,

ora protese alla

stella più luminosa.

*

To Daniele 

Believing in our dreams

let us ASCEND

to the highest peaks:

from the wheel to the cannon,

from the algebra to the Monna Lisa,

from the hourglass to the penicillin,

MAN never gives up.

And you believe.

You believed in your dream.

And yet you believe in it.

Now that you belong to her.

Now that Lady Mountain is

tying you in a mortal embrace,

so that you became part of her.

Crudelis mundus est sed docet.

You understood too late

that love is not a peak

of eternal winter

but your child’s warm, little hands

reaching the brightest star.

sirio

Scollegata

In rete.

Caduta nella tua rete

(quasi per caso).

Quanto tempo

incollata

al monitor che sapeva di

miele

di promesse di

sole

di una primavera che non arriverà.

Perchè tu sei maestro di parole,

intessitore di illusioni.

Mentre lei

ignara

imbelletta sorrisi

ai quattro venti.

Ma quella DETURPATA

sono io.

Violenza più atroce non c’è:

la mia pelle nuda,

un origami

per la tua Leariva.

FJRQS9VJG750XN8.LARGE